WSBK 2019 – Bautista batte Rea e vince la prima Tissot Superpole Race!

Il pilota spagnolo e il campione del mondo in carica si tolgono i guanti per battersi sulla pista australiana. Sesto Melandri, primo italiano e primo pilota con una moto indipendente

La prima Tissot Superpole Race in assoluto del Campionato mondiale MOTUL FIM Superbike ha visto Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati) diventare autore di un’altra pagina di storia della categoria! La gara veloce composta da dieci giri ha dato vita ad un duello avvincente tra i due capilista, non si poteva chiedere di meglio per celebrare il nuovo format del WoirldSBK!
Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) riesce a prendere il comando della corsa fin dalla prima curva, il vincitore di Gara 1 del sabato, Alvaro Bautista, non gli ha permesso di scappare pur dovendosi difendere anche da Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team) in terzaposizione. Il pilota inglese è riuscito a superare lo spagnolo che ha poi avuto la meglio nella battaglia.
Non c’è stato bisogno di aspettare per entrare nel vivo e vedere Bautista entrare su Rea al Gardner Straight. Così come in Gara 1 del sabato, il pilota di Toledo è riuscito a distaccarsi dal campione del mondo in carica che non ha mai mollato la presa.
Leon Haslam è sceso alla quinta posizione in rivalità con Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team) ma ben presto il pilota inglese ha avuto la meglio per piazzarsi al quarto posto alle spalle di Lowes.
A sette giri dal via, Rea ha superato Bautista facendolo andare largo alla Curva 2 per poi approfittarne per prendere il comando della gara ma poi alla Curva 4 lo spagnolo è tornato a prendere il primo posto in gara. Per un momento è sembrato che Rea si stesse accontentando di stare in seconda posizione ma poi ha riprovato ad entrare ma la potenza del motore Ducati lo ha costretto a stare dietro.
Anche pochi metri più indietro c’è stato da divertirsi con Haslam che si è assicurato il terzo posto davanti ad Alex Lowes, Michael van der Mark, Sandro Cortese (GRT Yamaha WorldSBK) e al suo compagno di squadra Marco Melandri, primo italiano a tagliare il traguardo.
All’ultimo giro, Leandro Mercado (Orelac Racing VerdNatura) è scivolato facendo cadere anche Jordi Torres (Team Pedercini Racing) e Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing) alla Curva 4.
Alla bandiera a scacchi, Alvaro Bautista è stato il primo a tagliare il traguardo nonostante Jonathan Rea abbia provato ad andare all’assalto fino alla fine per aggiudicarsi la vittoria della Tissot Superpole Race e di conseguenza partire dalla pole position in Gara 2. In terza posizione si è piazzato Leon Haslam seguito da Alex Lowes che anche domenica partirà dalla seconda fila al fianco del suo compagno di box Michael van der Mark e a Marco Melandri al via dalla sesta casella.
Apre la terza fila Sandro Cortese, seguito da Michael Ruben Rinaldi (BARNI Racing Team) ed Eugene Laverty (Team Goeleven) su Ducati.