Tissot-Superpole da record per Tom Sykes

Tissot-Superpole da record per Tom Sykes

Misano, sabato 21 giugno 2014 – La settima Tissot-Superpole della stagione si è disputata oggi al Misano World Circuit “Marco Simoncelli” in condizioni pressoché perfette, permettendo ai protagonisti del Campionato Mondiale eni FIM Superbike di dare il massimo per il miglior posizionamento in griglia, in vista delle due gare di domani.
Una spettacolare battaglia per la pole position ha visto vincitore Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), autore di un crono di 1’34.883 nelle battute finali del secondo turno. Si tratta della ventunesima pole position per il Campione del Mondo in carica, la seconda in stagione, che infrange il record della pista di Troy Corser risalente al 2010 ed il muro del minuto e trentacinque secondi. Sykes è ora al terzo posto assoluto per il numero di pole position conquistate in carriera, insieme al quattro volte iridato WSBK Carl Fogarty.
La prima fila dello schieramento viene completata da Davide Giugliano (Ducati Superbike Team), in testa prima del giro perfetto di Sykes, e da Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team), terzo a soli 223 millesimi di distacco.
I primi tre classificati hanno ricevuto il trofeo della Tissot-Superpole dalle mani di Cristian Savani (foto), ex-capitano della nazionale italiana di pallavolo e oggi giocatore di spicco nella Volleyball League A cinese con la squadra di Shanghai.

Quarto posto per Loris Baz (Kawasaki Racing Team), a precedere Marco Melandri (Aprilia Racing Team) e Toni Elias (Red Devils Roma Aprilia), che ripete il piazzamento in griglia dello scorso round a Sepang dopo essersi fatto strada, in questo caso, dalla Superpole 1.
Completano la top-10 Chaz Davies (Ducati Superbike Team), Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike), Eugene Laverty (Voltcom Crescent Suzuki) e Niccolò Canepa (Althea Racing Team Ducati), quest’ultimo miglior qualificato tra le EVO e secondo pilota ad ottenere l’accesso alla Superpole 2 attraverso il primo turno.

I tempi: 1. Sykes (Kawasaki) 1’34.883 media 160.341 km/h; 2. Giugliano (Ducati) 1’35.079; 3. Guintoli (Aprilia) 1’35.106; 4. Baz (Kawasaki) 1’35.254; 5. Melandri (Aprilia) 1’35.316; 6. Elias (Aprilia) 1’35.404; 7. Davies (Ducati) 1’35.602; 8. Rea (Honda) 1’35.675; 9. Laverty (Suzuki) 1’36.043; 10. Canepa (Ducati) 1’36.404; 11. Lowes (Suzuki) 1’36.489; 12. Haslam (Honda) 1’36.515; 13. Salom (Kawasaki); 14. Baiocco (Ducati); 15. Badovini (Bimota); 16. Corti (MV Agusta); 17. Barrier (BMW); 18. Goi (Ducati); 19. Morais (Kawasaki) 1’37.807; 20. Foret (Kawasaki) 1’38.008.