Sykes imprendibile nella Tissot-Superpole di Laguna Seca

Sykes imprendibile nella Tissot-Superpole di Laguna Seca

Laguna Seca (California, USA), sabato 12 luglio 2014 – Sotto il cielo terso della California, i piloti del Campionato Mondiale eni FIM Superbike hanno affrontato la Tissot-Superpole del nono round della stagione. Al Mazda Raceway Laguna Seca Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) ha conquistato la prima posizione di partenza per le due gare in programma domani, spazzando via il precedente best lap della pista e scendendo sotto il muro del minuto e ventidue secondi, firmando un incredibile 1’21.811 che gli assicura la ventitreesima pole della carriera, la terza di fila quest’anno.
Il capo classifica e campione in carica della competizione verrà affiancato in prima fila da Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) e Chaz Davies (Ducati Superbike Team), entrambi in grado di girare sotto al vecchio record della pista, ma fermatisi a poco più di mezzo secondo dall’autore della pole. I piloti che si schiereranno domani in prima fila hanno avuto l’onore di ricevere il trofeo della Tissot-Superpole dalle mani dell’ex-Campione del Mondo Superbike Doug Polen (foto).

Tom Sykes: “Questa è stata una Superpole davvero entusiasmante. Sapevo che avremmo incontrato qualche difficoltà perché alcuni dei nostri rivali sono molto forti qui, ma la Ninja sta facendo sempre meglio il suo lavoro e oggi sono più fiducioso di prima in vista delle gare. Con la gomma da qualifica ho avuto un momento di difficoltà al Cavatappi, ma abbiamo fatto un ottimo tempo sul giro e sono davvero soddisfatto: domani la battaglia sarà intensa.”

Sylvain Guintoli: “La Superpole non è andata male, purtroppo Sykes ha fatto un giro davvero veloce. La prima fila è la cosa che conta, su un circuito così tortuoso è fondamentale partire forte e andare davanti il prima possibile. Come sempre, abbiamo fatto bene i compiti a casa, preparandoci al meglio per le gare. Credo che saranno due gare molto serrate e sicuramente adrenaliniche, quindi non vedo l’ora di scendere in pista e spero di divertirmi!”
Quarto posto per l’altro portacolori ufficiale Ducati Davide Giugliano, fuori dalla top-3 per soli 38 millesimi, con il romano che ha chiuso davanti a Marco Melandri (Aprilia Racing Team), Eugene Laverty (Voltcom Crescent Suzuki), Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) e Loris Baz (Kawasaki Racing Team).
Il transalpino è stato uno dei due piloti ad accedere alla Superpole 2 attraverso il primo turno, non senza qualche difficoltà: Baz infatti è scivolato alla curva 6 a dieci minuti dal termine della sessione iniziale dopo aver fatto segnare il miglior tempo, per fortuna senza alcuna conseguenza di livello fisico né danno alla sua ZX-10R.
Toni Elias (Red Deviles Roma Aprilia) chiuderà la terza fila della griglia di partenza grazie al nono tempo, davanti ad un Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) sfortunato protagonista di una caduta all’ultima curva, a due minuti dalla fine della Superpole 2, che complica i piani del pilota nordirlandese in ottica di gara.
Primo dei piloti EVO è Niccolò Canepa (Althea Racing Team Ducati), dodicesimo al termine dietro ad Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki) e davanti ai rivali di categoria Sylvain Barrier (BMW Motorrad Italia Superbike Team) e Christian Iddon, anch’egli scivolato nelle fasi finali della Superpole 1.

Le due gare del nono round della stagione avranno inizio domani alle 11:00 e 14:45 ora locale.
I tempi: 1. Sykes (Kawasaki) 1’21.811 media 158.854 km/h; 2. Guintoli (Aprilia) 1’22.339; 3. Davies (Ducati) 1’22.384; 4. Giugliano (Ducati) 1’22.422; 5. Melandri (Aprilia) 1’22.704; 6. Laverty (Suzuki) 1’22.725; 7. Haslam (Honda) 1’23.181; 8. Baz (Kawasaki) 1’23.242; 9. Elias (Aprilia) 1’23.358; 10. Rea (Honda) 1’23.501; 11. Lowes (Suzuki) 1’23.562; 12. Canepa (Ducati) 1’23.924; 13. Barrier (BMW); 14. Iddon (Bimota); 15. Salom (Kawasaki); 16. Badovini (Bimota); 17. Staring (Kawasaki); 18. Morais (Kawasaki); 19. Camier (MV Agusta); 20. Andreozzi (Kawasaki).