Rea domina gara 1 ad Imola

Rea domina gara 1 ad Imola

Imola, domenica 11 maggio 2014 – Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) ha conquistato il successo nella prima gara di giornata del Campionato Mondiale eni FIM Superbike all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Il centauro britannico ha preso il largo nella prima parte di gara, transitando alla bandiera a scacchi con quattro secondi e mezzo di vantaggio su Chaz Davies (Ducati Superbike Team). Grazie al secondo successo nelle ultime due gare disputate, Rea sale a quota 114 in classifica, a sole dieci lunghezze dal leader, Tom Sykes (Kawasaki Racing Team).

Davies, dopo un’avvincente lotta per la prima posizione, è riuscito a fare la differenza nel finale su Tom Sykes, Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) e sui rispettivi compagni di squadra di questi ultimi, Loris Baz e Marco Melandri. Sykes è riuscito a spuntarla per il gradino più basso del podio, precedendo in ordine Baz, Guintoli e un Melandri in difficoltà nelle fasi conclusive, dopo un’imbarcata alla prima variante.

Settimo e ottavo posto, a grande distanza dai primi, per i due alfieri del Team Voltcom Crescent Suzuki, Eugene Laverty e Alex Lowes, con Toni Elias (Red Devils Aprilia), Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) e Leon Camier (BMW Motorrad Italia Superbike) a chiudere la top 10. Camier è il primo classificato dei piloti EVO, seguito a stretto giro da David Salom (Kawasaki Racing Team) e Luca Scassa (Team Pedercini Kawasaki).

Prova difficile per Davide Giugliano (Ducati Superbike Team), scivolato alla “Rivazza 1”, durante il dodicesimo passaggio, mentre si trovava in sesta posizione. Fuori gioco anche due italiani della classe EVO, la wildcard Ivan Goi (Barni Racing Team Ducati) e Niccolò Canepa (Althea Racing Team Ducati).


Risultati: 1. Rea (Honda) 19 giri/93.784 km in 34’14.829 media 164.307 km/h; 2. Davies (Ducati) 4.511; 3. Sykes (Kawasaki) 6.492; 4. Baz (Kawasaki) 8.434; 5. Guintoli (Aprilia) 9.134; 6. Melandri (Aprilia) 14.925; 7. Laverty (Suzuki) 19.973; 8. Lowes (Suzuki) 21.582; 9. Elias (Aprilia) 28.781; 10. Haslam (Honda) 31.245; 11. Camier (BMW) 40.996; 12. Salom (Kawasaki) 55.372; 13. Scassa (Kawasaki) 55.899; 14. Guarnoni (Kawasaki) 1’04.402; 15. Andreozzi (Kawasaki) 1’23.074; 16. Foret (Kawasaki) 1’23.324; 17. Morais (Kawasaki) 1’36.763; 18. Corti (MV Agusta) 1’36.942; 19. Sebestyen (BMW) 1’43.545; 20. Toth (BMW) 1’43.819; RT. Giugliano (Ducati); RT. Fabrizio (Kawasaki); RT. Yates (EBR); RT. Canepa (Ducati); RT. Goi (Ducati); NS. May (EBR); SH. Iddon (Bimota) 55.174; SH. Badovini (Bimota).